Germania, Uccide Fidanzata Incinta: non Vuole Diventare Padre

By | 23 febbraio 2016

Eren Toben Condannato per Omicidio Fidanzata IncintaIl terrore di diventare padre l’ha spinto ad uccidere e dare fuoco alla fidanzata. E’ successo in Germania un anno fa. Gli autori del terribile delitto, il fidanzato ventenne della vittima e un suo amico, sono stati condannati a 14 anni di reclusione

loading...

 

Non voleva affrontare le sue responsabilità Eren Toben, un ventenne residente a Berlino, ed ha preferito accoltellare e dare fuoco alla fidanzata, all’ottavo mese di gravidanza, facendosi aiutare da un suo amico, Paul Daniel Muller, anche lui ventenne. I due architettarono un’imboscata a Maria Peiner, la ragazza incinta, che venne fatta salire sull’auto di Muller con la scusa di portarla ad acquistare alcuni indumenti per il nascituro. In realtà la donna in dolce attesa non venne portata a fare shopping ma in un bosco lontano, dove venne presa a bastonate e poi accoltellata.

Paul ed Eren, dopo aver massacrato la ragazza incinta, le gettarono liquido infiammabile sul corpo e le diedero fuoco. La povera Maria ha fatto una fine atroce, terribile, inimmaginabile. E’ veramente assurdo quello che sono stati capaci di fare due ventenni. Pur di non diventare padre, Eren ha trucidato la ragazza che aveva messo incinta. Che vergogna! Il cadavere della ragazza venne rinvenuto il giorno dopo da un uomo che camminava nei paraggi. Le forze dell’ordine vennero allertate immediatamente. Nei pressi del luogo del delitto venne ritrovato il coltello con cui i balordi freddarono Maria. Sull’arma bianca gli inquirenti trovarono le impronte dei due ventenni.

Dopo un anno è arrivata la sentenza: Paul ed Eren sono stati condannati a 14 anni di reclusione. La decisione dei giudici ha lasciato l’amaro in bocca all’opinione pubblica tedesca, che pretendeva l’ergastolo per i killer di Maria Peiner, ragazza che si è fidata troppo del suo fidanzato, senza sapere che il suo amore non era ricambiato. Agli investigatori il 20enne ha confessato di aver compiuto l’agghiacciante delitto perché non voleva diventare padre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *