Giappone, vulcano erutta e uccide un soldato

By | 23 gennaio 2018

Giappone, vulcano erutta: la morte di un soldatoIl vulcano Kusatsu-Shirane è tornato ad eruttare in Giappone. Tanta cenere, fumo e lava. C’è già una vittima. L’impetuosa pioggia di sassi e la gettata di lava non ha lasciato scampo a un militare che si stava allenando sugli sci. Il vulcano si trova nei pressi di un resort sciistico. Prima dell’eruzione si è registrata una valanga che ha causato il ferimento di circa 16 persone. Le piste di sci nei paraggi sono state letteralmente ricoperte di sassi, lava e detriti. Secondo la Jiji Press, che riporta un comunicato del Ministero della Difesa giapponese, il militare che si stava allenando era stato colpito da tanti sassi usciti dal vulcano.

5 feriti in modo grave

Il vulcano giapponese torna ad incutere timore. 5 persone sarebbero rimaste ferite in modo grave. Lo ha riferito ai microfoni di Afp un funzionario dei vigili del fuoco, sottolineando che 4 persone sono state raggiunte da schegge di vetro mentre si trovavano su una seggiovia.

Uno sciatore ha descritto i terribili attimi: ‘La cabina in cui mi trovavo si è bloccata all’improvviso. La finestra si è rotta e ho avuto paura. Una delle cabine davanti era coperta di cenere, allora ho realizzato che si trattava di un’eruzione’.

Chi vive nei paraggi è stato esortato dall’agenzia meteorologica nazionale nipponica a non recarsi vicino vulcano perché è alto il rischio di altre ‘piogge’ di sassi e fuoriuscite di lava.

Bloccati sulla seggiovia giapponese

Secondo le autorità locali almeno 78 persone sono ferme in una seggiovia poiché, dopo l’eruzione, il sistema è andato in tilt. Tutti coloro che si trovavano nella stazione sciistica si sono dovuti allontanare immediatamente.

Era dal 1983 che il vulcano Kusatsu-Shirane non eruttava. I giapponesi sono abituati ai potenti terremoti e alle violente eruzioni vulcaniche. Nella nazione sono in attività ben 111 vulcani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.