Guardia giurata spara alla moglie e si suicida: tragedia a Melfi

By | 8 maggio 2018

Guardia giurata di Melfi uccide moglieUn 33enne, stamattina, ha preso la sua pistola ed ha ucciso la moglie 27enne; poi, con la stessa arma, si è suicidato. La tragedia è avvenuta a Melfi, in provincia di Potenza, nella casa dei due. Secondo le prime informazioni, l’uomo era una guardia giurata. Sul caso indagano i carabinieri del comando provinciale di Potenza.

Una coppia apparentemente tranquilla

Omicidio-suicidio in un appartamento di Melfi. Perché la guardia giurata ha ucciso la moglie? Stanno cercando di scoprirlo i carabinieri, subito accorsi sul luogo della tragedia.

I vicini di casa hanno affermato che la coppia era tranquilla. I due, insomma, sembravano affiatati. Antonio Girardi, originario di Melfi, si era sposato l’anno scorso. La moglie era originaria dell’Est Europa. Attualmente non si esclude nessuna ipotesi. Si sa solo che Girardi, alle 7.30, ha preso la sua pistola ed ha fatto fuoco contro la moglie, poi ha rivolto la stessa arma contro se stesso ed ha premuto il grilletto.

L’omicidio-suicidio a Giugliano

Tre anni fa, a Giugliano (Napoli), una guardia giurata 55enne aveva compiuto un gesto simile a quello di Antonio Girardi: aveva sparato alla moglie 47enne con la sua pistola e si era suicidato. Alla base di tale omicidio-suicidio, secondo gli investigatori, c’era la gelosia dell’uomo. Sembra che lei si volesse separare e lui non riusciva ad accettare l’idea della separazione.

A differenza di Girardi, la guardia giurata di Giugliano aveva stroncato la moglie nella sua auto, una Fiat Panda. Ad accorgersi della tragedia era stato un passante, che subito aveva chiamato i carabinieri e gli operatori sanitari. Una scena terribile quella osservata dalla persona che si era trovata vicino alla Panda. Il 55enne era già morto e la moglie era in agonia. I medici non erano riusciti a salvare la donna. Una famiglia distrutta in pochi secondi. La guardia giurata di Melfi e la moglie hanno lasciato una figlia, sentita dagli investigatori dopo l’omicidio-suicidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.