Irrfan Khan elogia Italia: “Culla dei grandi maestri del cinema”

By | 7 dicembre 2014

A Firenze è arrivato il grande attore indiano Irrfan Khan, che ha interpretato oltre 115 film.

Khan ha preso parte alla 14esima edizione del River to River Florence Indian Film Festival, festival italiano incentrato sulla cinematografia indiana. L’evento chiuderà i battenti il prossimo 12 dicembre al cinema Odeon. L’Italia, quindi, ha voluto omaggiare Khan con una ‘succulenta’ rassegna europea delle sue pellicola.

Irrfan Khan è il protagonista di “Jurassic World”, diretto da Colin Trevorrow, che approderà tra poco nelle sale italiane. L’artista indiano, lo ricordiamo, ha collaborato con grandi nomi del cinema mondiale,  come Ang Lee, Danny Boyle e Wes Anderson.

“Per quanto riguarda Jurassic World il regista Colin Trevorrow, mi ha mandato la sceneggiatura dicendomi che dovevo interpretare io il ruolo di Mr. Masrani. Ho accettato perché il ruolo mi è piaciuto molto, ha una grande vivacità. Il personaggio che interpreto, è un magnate proprietario del parco, ha un suo modo di concepire l’entertainment, il divertimento, ha degli aspetti brillanti che mi hanno molto appassionato. A volte è semplicemente la storia che ti prende così tanto che vuoi partecipare alla sua narrazione non c’è mai un intento di trasmettere un messaggio sociale particolare. Il messaggio c’è sempre, in me: è la storia del film che deve tirarlo fuori. Tu come attore reagisci alla storia del film e il concetto è quello di condividere quello che è dentro di te con il pubblico”, ha asserito Irrfan Khan.

Nel corso del festival fiorentino verrà presentato anche in anteprima “Paan Singh Tomar” di Tigmanshu Dhulia e “Il destino nel nome” di Mira Nair. Khan ha aggiunto: “Sono estremamente onorato di trovarmi in questo paese perché l’Italia è la culla dei grandi maestri del cinema, da Pasolini a Rossellini, conosciamo tutti i grandi registi italiani che hanno certamente formato e plasmato il cinema di tutto il mondo, con un’influenza ben oltre i confini nazionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.