News

James Pallotta lascerà Roma senza nuovo stadio

Pallotta lascerà la Roma senza nuovo stadioIl presidente dell’AS Roma, James Pallotta, vuole un nuovo stadio per la sua squadra. E’ chiaro. Se, però, la Regione Lazio si opporrà al progetto lui probabilmente abbandonerà la Roma, lasciando la ‘patata bollente’ a un nuovo presidente. Forti le parole proferite dal presidente dei giallorossi a un mese esatto dal quinto anniversario della sua presidenza. James ha rivelato nel corso di un’intervista rilasciata a Boston: ‘Non vogliamo vendere, pensiamo che ci sia una grande opportunità per noi di costruire una squadra competitiva con uno stadio e un centro di intrattenimento, ma se non approveranno il progetto allora qualcun altro dovrà andare fino in fondo’. Pallotta non minaccia nessuno ma vuole mettere in chiaro determinati aspetti, visto che sono passati già 3 anni dalla presentazione del progetto relativo al nuovo stadio della Roma ed ha ricevuto pochissime risposte.

Pallotta critica il Milan e la sua campagna acquisti

Se la Roma non avrà il nuovo stadio, il presidente James Pallotta probabilmente saluterà a lascerà il testimone a un nuovo testimone. E’ questo, in soldoni, ciò che si è intuito durante la recentemente intervista rilasciata a Boston, chiacchierata nel corso della quale il numero uno dell’AS Roma ha parlato anche di calcio e, nello specifico, della sfavillante campagna acquisti del Milan. Pallotta non riesce a capire il motivo per cui il club rossonero ha speso e sta spendendo molto, in quanto mancavano addirittura i soldi per comprare la squadra e si era fatto ricorso a un prestito ‘da persone che conosco a Londra, a un interesse piuttosto alto’. Secondo James, in futuro il Milan pagherà il prezzo dell’audace campagna acquisti. Il presidente della Roma sottolinea che la sua squadra e le altre di serie A hanno fatto una campagna acquista ragionevole. Solo il Milan si è comportato in maniera strana: ‘Sono gli unici in serie A che stanno perdendo la testa. Forse loro hanno un grande piano che un giorno scopriremo, ma il resto delle squadre sono in qualche modo razionali. Se potete, spiegatemi il Milan, perché io non lo capisco’.

Il ruolo importante di De Rossi e Nainggolan

Parlando del nuovo direttore sportivo Monchi, Pallotta ha sottolineato che è stato un regalo del cielo perché altre squadre erano interessate a lui ed avevano offerto molto più denaro per lui. Il presidente della Roma ha spiegato anche di essersi trovato subito bene con Monchi, durante alcuni incontri segreti antecedenti all’ufficializzazione. L’addio a Sabatini sarebbe stato dovuto, invece, al venire meno del rapporto d fiducia.

Chi sono adesso i giocatori più importanti della Roma? Sicuramente De Rossi e Nainggolan, secondo James Pallotta: ‘Radja è uno dei più importanti sul campo. Non si ferma mai, è completo. Per quanto riguarda Daniele, già ora vedo un cambiamento nel suo temperamento visto che è il capitano. Lo vedo anche in alcuni degli altri, sono molto concentrati e credono sia il loro anno…’.

Nel corso dell’intervista fiume negli States, il presidente della Roma si è soffermato sui nuovi giocatori, definendo ‘colpaccio’ l’acquisto di Kolarov e ‘sorpresa’ quello di Gonalons. Un pensiero su Di Francesco: ‘Tutti pensavano che lui fosse bravo. Ero scioccato’. Pallotta, stavolta, non ha avuto freni ed ha lanciato molte frecciatine.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.