Cronaca

Lazio: sequestrati 2 milioni a Diabolik, capo ‘Irriducibili’

Le Fiamme Gialle hanno sequestrato beni per un valore di circa 2 milioni di euro a Diabolik, al secolo Fabrizio Piscitelli, capo degli “Irriducibili”, noto gruppo di tifosi della Lazio. Il sequestro dei beni è avvenuto proprio stamani.

La misura è stata adottata al termine di innumerevoli indagini iniziate nel 2013, ovvero dopo l’arresto di Diabolik, latitante da molto tempo, a cui venivano contestate molte attività illecite. Fabrizio Piscitelli, secondo gli inquirenti, avrebbe promosso e supportato economicamente traffici di droga proveniente dalla Spagna. Gli inquirenti sostengono che il capo ultrà della Lazio è un “soggetto pericoloso da oltre 25 anni, nei quali è vissuto costantemente all’insegna della prepotenza e della sopraffazione sul prossimo, indifferente ai numerosi provvedimenti di Polizia adottati nei suoi confronti”. Tra i reati commessi da Diabolik nell’arco della sua lunga carriera da criminale, ricordiamo anche le numerose estorsioni ai danni del presidente della Lazio Lotito. Tali condotte abiette sono costate a Piscitelli una condanna per tentata e reiterata estorsione aggravata.

Riferendosi alle illecite attività svolte da Diabolik, gli investigatori hanno spiegato:

“In tale contesto, emergeva tra l’altro come le società commerciali gestite e collegate alla tifoseria laziale fossero lo strumento per veicolare cospicui guadagni, anche illeciti, derivanti essenzialmente da attività violente ed estorsive”.

Tra i beni sequestrati nelle ultime ore a Diabolik ci sono una splendida casa a Grottaferrata (Roma), un conto corrente e una polizza assicurativa. Una vita intrisa di criminalità e Lazio quella di Fabrizio Piscitelli, capo ultrà che, prima di andare in prigione, faceva la bella vita: viveva in immobili lussuosi ed aveva splendide auto. Gli inquirenti hanno iniziato ad interessarsi di Diabolik perché il suo tenore di vita era molto alto, e comunque non corrispondente al reddito dichiarato, decisamente basso. Il capo ultrà degli Irriducibili della Lazio aveva fatto molti acquisti in diverse zone dei Castelli Romani sfruttando i nomi della moglie e della figlia.

Una delle maggiori fonti di arricchimento di Piscitelli era senza dubbio la droga: ha importato grossi quantitativi di hashish dalla Spagna e per questo è finito in manette. Diabolik è finito in carcere proprio per la sua passione per la Lazio. Mentre era latitante in un appartamento a Casalotti invitò alcuni amici a vedere una partita del club biancoceleste a casa sua, ordinando delle pizze. Gli amici di Piscitelli, però, erano braccati dagli agenti dell’operazione Ginko che, successivamente, beccarono Diabolik e lo portarono in carcere.

Gli inquirenti hanno anche scoperto che il capo degli Irriducibili della Lazio aveva anche contatti con elementi di spicco di clan della camorra.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.