L’ultima lettera di Lady Diana

By | 28 aprile 2014

L’ultima lettera di Lady Diana venduta per 3000 dollari

L'ultima lettera di Lady Diana
Scritta su carta intestata, “Kensingnton Palace”, datata l’11 agosto del 1997 e diretta all’attivista umanitario Dilys Cheetham, è l’ultima lettera ritrovata scritta da Lady Diana in persona, 3 settimane prima del tragico incidente d’auto parigino in cui la principessa d’Inghilterra perse la vita insieme al compagno Dodi al Faied il 31 agosto del 1997.
Diana ha scritto la lettera dopo che era tornata da una visita durata tre giorni in Bosnia come parte della sua campagna contro le mine antiuomo.
Il testo è scritto al pc, ma la firma in calce non lascia alcun dubbio circa la paternità dell’attribuzione a Lady Diana.
Il testo della lettera è breve: “Non ho potuto fare a meno di essere profondamente commossa da questa esperienza che ha rinvigorito la mia determinazione ad assicurare che il mondo non dimentichi che coloro che sono stati così inutilmente mutilati da queste terribili armi avranno bisogno di cure e di sostegno per molti anni a venire”.
Ma la lettera non esce fuori dal nulla, ha già avuto diversi proprietari, più o meno celebri in questi ultimi anni.
Ms. Cheetham, di Richmond del North Yorkshire, morto nel 2006, aveva venduto la lettera al famoso fotografo Jason Fraser in un’asta di beneficenza tenutasi nel 1999 per raccogliere fondi per aiutare le vittime delle mine antiuomo.
Il fotografo Jason Fraser ha poi venduto la lettera ad un collezionista privato nel 2007, in occasione del decimo anniversario della morte di Lady Diana.
La lettera adesso è andata in vendita presso il Fellows Auctions a Birmingham, ed è stata acquistata per una cifra pari a 2.976 dollari. Mark Huddleston, socio del Fellows Auction, ha parlato dell’ultima lettera scritta da Lady Diana come un importante documento di storia contemporanea.
Egli ha espressamente detto: “La lettera è attuale non soltanto per via del suo messaggio accorato, ma anche perché è stata l’ultima lettera che lei ha scritto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.