Cronaca

Madre e figlia morte in casa: mistero a Ornago

Madre-e-figlia-morte-giallo-a-OrnagoGiallo a Ornago (Monza e Brianza) sulla morte di due donne, madre e figlia. I corpi senza vita di Amalia Villa, 85 anni, e Marinella Ronco, 52 anni, sono stati scoperti in un appartamento di via Santuario ieri pomeriggio. Secondo quanto hanno riferito dai carabinieri, madre e figlia sarebbero morte diversi giorni fa. Attualmente non si esclude nessuna ipotesi. Sui corpi delle due non vi sarebbero particolari segni o lesioni. Ovviamente saranno necessarie indagini più approfondite delle salme che, probabilmente, verranno eseguite oggi. I corpi, ora, si trovano all’obitorio di Milano.

Il malore del fratello di Amalia

Perché Amalia Villa e Marinella Ronco sono morte? Amalia era vedova. Viveva con la figlia Marinella, nubile. Ad accorgersi del decesso delle due donne sono stati alcuni clienti di un bar di Ornago. Le volevano avvisare del malore di Paolo Villa, fratello di Amalia.

Paolo Villa si trovava nel bar Al Sagrato quando è stato colto da un malore, forse dovuto all’alcol. Sul posto è arrivata subito un’ambulanza. Ora l’anziano si trova all’ospedale di Vimercate. E’ piantonato dai carabinieri. Gli avventori del bar hanno detto che Villa, ultimamente, era sempre stanco e sciatto. Ancora il pm non ha preso nessun provvedimento nei suoi confronti. Prima lo vuole interrogare.

Casa in ordine

I due clienti del bar, quando si sono recati a casa delle due donne, hanno prima suonato. Nessuno ha aperto quella porta. La coppia è stata costretta a forzarla. Una volta entrati, i due hanno fatto la macabra scoperta. In casa comunque era tutto in ordine. Sembrava che qualcuno l’avesse pulita e riassettata da poco.

Nell’appartamento di via Santuario sono arrivati rapidamente sia i carabinieri della compagnia di Vimercate che il personale sanitario. Purtroppo madre e figlia erano già morte da tempo. Non c’è stato nulla da fare. I militari hanno notato un po’ di sangue su alcuni vestiti e su una scopa. Dettagli che potranno essere molto utili per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.