Magenta, medico morto in bagno: vicino al cadavere 2 siringhe

By | 24 novembre 2016

E’ mistero a Magenta (Milano), dove un medico anestesista trentenne è stato trovato senza vita nel bagno dell’ospedale. Non si conosce attualmente la causa del decesso. L’unica cosa certa è che il giovane medico Moreno Curti stava effettuando un turno notturno. E’ giallo sulla morte di una persona molto apprezzata dagli amici e dai colleghi, che lo hanno definito ‘molto capace professionalmente e persona gentilissima’.

Il medico aveva assistito a un parto cesareo

Perché il medico trentenne è morto? Sembra che l’uomo avesse assistito a un parto cesareo; successivamente si è recato nella toilette e non è più uscito. Sono stati alcuni colleghi a trovare il cadavere del medico nel bagno. Sembra che vicino al corpo esanime vi fossero 2 siringhe. Un lutto inaspettato e improvviso all’ospedale di Magenta. Alcuni dottori del nosocomio milanese hanno rivelato di essere stati, nei giorni scorsi, a mensa con il trentenne. Questo era sempre sereno e cortese. Nessuno ha mai pensato che avrebbe fatto una fine del genere.

Gli investigatori stanno cercando di scoprire il motivo del decesso di un giovane medico. Il cadavere è stato ritrovato verso le 2.30 nel bagno del reparto di Ginecologia dell’ospedale di Magenta. Sul cadavere non sono stati riscontrati segni di violenza. Sul caso indagano i carabinieri di Abbiategrasso che, attualmente, non escludono nessuna ipotesi, eccetto quella dell’omicidio. Il dottore trentenne era forzuto e alto: se qualcuno l’avesse aggredito si sarebbe saputo difendere. Allora perché è deceduto? Cosa contenevano quelle 2 siringhe ritrovate vicino al cadavere? Solo l’esame autoptico consentirà di fare luce sulla vicenda.

Colleghi e amici sono increduli

Amici e colleghi di Moreno Curti sono increduli. Moreno era sempre sorridente e cordiale. Una persona perbene. Quella di ieri è stata una giornata luttuosa per l’Est Ticino perché sono morti una ragazza ventenne e un medico trentenne. La giovane è rimasta vittima di un pauroso incidente stradale.

 

Perché vicino al cadavere di Curti c’erano quelle 2 siringhe? Beh, ricordiamo che il medico, poco prima, aveva effettuato una epidurale. I colleghi, quando hanno visto il medico per terra, in bagno, l’hanno subito soccorso ma ogni tentativo di salvataggio è stato vano.

La morte di Moreno Curti è collegata alla problematica dei turni notturni massacranti a cui sarebbero sottoposti i  medici italiani? Secondo un recente sondaggio, la maggior parte dei camici bianchi italiani è sottoposta frequentemente a turni di notte massacranti. Sembra che, quasi tutti i medici in turno notturno, abbiano dovuto spesso affrontare 2 emergenze cliniche contemporaneamente. Il problema è anche, e soprattutto, dei troppi tagli che si ripercuotono negativamente sui medici e sui pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.