Maurice Messegué morto in Francia, il ‘padre delle piante’

By | 17 giugno 2017

Messegué morto in Francia: grande erboristaAddio a Maurice Messegué, erborista 95enne famoso in tutto il mondo per i suoi studi incentrati sull’utilizzo delle erbe per curare le patologie. Maurice è morto nella sua casa di Auvillar (Francia meridionale), munito del conforto dei suoi cari. Una vita lunga e piena di successi quella dell’erborista francese, ribattezzato il ‘padre delle piante’. Nel corso della sua esistenza, Maurice fu impegnato in molte attività, come la politica e il rugby, ma indubbiamente verrà sempre ricordato per i suoi studi nel campo dell’erboristeria. Il ricercatore francese è considerato il vero precursore della fitoterapia.

 ‘E’ la natura che ha ragione’

Una vita dedicata alle piante quella di Maurice Messegué, che negli anni ’40 iniziò a dedicarsi, giorno e notte, all’attività di studio e spiegazione di tutto ciò che ruota attorno agli organismi vegetali. L’erborista fondò il suo primo laboratorio, ‘Dai fiori selvaggi’, a Parigi. Era il 1958. Maurice ereditò la passione per le erbe e le piante dal padre e, nel 1952, pubblicò un libro che diventò una specie di ‘Bibbia’ per gli appassionati del settore, ovvero ‘E’ la natura che ha ragione’. Il volume riscosse un successo straordinario, tanto che ne furono vendute 500.000 copie. Tanti i pazienti celebri dell’erborista francese, tra cui Fausto Coppi, Winston Churchill e Papa Roncalli.

‘Non è tutto oro quello che luccica’. Questo proverbio è valso anche per Messegué, che diventò certamente molto popolare ma ebbe anche problemi con la giustizia: venne processato 21 volte per esercizio abusivo della professione medica. Non era certamente una persona pigra e statica Messegué, che diventò anche sindaco di Fleurance, un piccolo paese non molto distante da Tolosa, nel sud della Francia. Nonostante l’impegno in politica, l’erborista francese non abbandonò mai la sua passione per le piante, anzi nel 1974 fondò due aziende che distribuivano piante aromatiche e medicinali.

Ora tocca al figlio Marc

Messegué è morto ma la sua attività è eterna. A raccogliere la sua eredità è stato il figlio Marc, che lavora nel suo centro presso il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio (Perugia) e spesso diffonde anche consigli su una sana alimentazione. Famosa, ad esempio, è la dieta ‘di un giorno a settimana’. Il ricercatore, insomma, sostiene che basta un solo giorno a settimana di sacrifici a tavola per mantenersi in forma. Nel giorno delle restrizioni, comunque, non di deve patire troppo: Marc consiglia di consumare alimenti freschi e senza sale. Tale ingrediente, secondo lui, fa molto male alla salute. Nel volume ‘Basta un giorno’, il figlio di Maurice Messegué sottolinea che gran parte della popolazione mondiale consuma più sale del necessario. Tale abitudine sarebbe deleteria specialmente per l’apparato cardiovascolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.