Cronaca

Milano: 14enne si auto-asfissia per una sfida sul web

Giovane e in gamba un ragazzo eccezionale:  Igor Maj, detto anche il “ragno biondo”, solo 14 anni di età ma già scalatore di talento, agile e impavido definito una “forza della natura” da i suoi compagni di montagna, un gruppo dal nome particolare:  i “Ragni di Lecco”, tutti appassionati di arrampicata, alpinismo e climbing; come Igor, che però per una stupida sfida ha gettato via la sua vita. Amici, compagni e parenti sono nello sgomento per questa tragedia assurda e inaccettabile.

L’orrore su internet: la sfida rivoltante che miete giovani vittime

Igor anche se cosi forte, vitale e positivo è caduto nella trappola dell’assurdo e ripugnante gioco autolesionistico che le menti malate che bazzicano il deep web hanno escogitato; il ‘blackout’, ovvero togliersi l’ossigeno fino a svenire, per poi provare la scarica adrenalina nel “rivivere”; una  pratica pericolosissima diffusa tra gli adolescenti in maniera preoccupante anche se in effetti è un pericolo che striscia silenzioso e molti genitori nemmeno immaginano in quali mani finiscono i figli attraverso il web; da non credere sul web gira persino una specie di manuale  per una corretta esecuzione del soffocamento.

L’appello dei genitori di Igor a tutti gli altri genitori

“Fate il più possibile per far capire ai vostri figli che possono sempre parlare con voi. Qualunque stronzata gli venga in mente di fare devono saper trovare in voi una sponda, una guida che li aiuti a capire se e quali rischi non hanno valutato. Noi pensiamo di averlo sempre fatto con Igor, eppure non è bastato. Quindi cercate di fare ancora di più, perché tutti i ragazzi nella loro adolescenza saranno accompagnati dal senso di onnipotenza che se da una parte gli permette di affrontare il mondo, dall’altra può essere fatale.”  L’appello di tutti verso tutti oggi è: non lasciate troppo i vostri figli da soli davanti al pc, controllate la loro cronologia, e tutto quello che può servire a proteggerli. 

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.