News

Olanda Argentina: ha vinto l’Argentina ai rigori

Argentina Olanda finisce ai rigori, vince l’Argentina che va in finale romerocontro la Germania, ma l’eroe è Romero.

Nella semifinale al San Paolo fra Argentina e Olanda ci sono voluti i calci di rigore e uno strepitoso Romero per decretare il nome della seconda finalista che domenica affronterà la Germania nella finale al Maracanà di Rio: sarà L’Argentina. I tempi regolamentari, giocati sotto una pioggia costante, si sono conclusi sullo zero a zero e soltanto i tiri dal dischetto hanno permesso all’Argentina di raggiungere una finale dei mondiali dopo 24 anni da Italia 90.
La partita è stata povera di emozioni, con i portieri sostanzialmente inoperosi fino ai tiri dagli undici metri. L’uomo partita di questa semifinale non è stato Messi e neanche Robben, ma quello che non ti aspetti: l’ex sampdoriano Romero che neutralizzando i calci di rigore di Vlaar e Sneijder si trasforma in Re per una notte e accompagna per mano la sua nazionale alla finale dei mondiali.
argentina

Primo tempo

Primo tempo all’insegna dell’equilibrio, con le due squadre ben disposte in campo e poco propense a sortite offensive. Per l’Argentina Messi è tallonato da Martins Indi, a Higuain non arrivano palloni giocabili e Perez non riesce a svolgere il suo compito di vice Di Maria.
Nelle file olandesi Robben che appare un lontano parente rispetto al giocatore ammirato nei precedenti 5 incontri. Van Persie non è in partita e Sneijder è tenuto sotto controllo da Biglia e Mascherano.
I primi 45 minuti volano via nella noia, l’unica emozione da segnalare una punizione di Messi ben parata da Cielessen e l’infortunio di Mascherano, che si accascia a terra a seguito di uno scontro aereo, per fortuna senza conseguenze.

Secondo tempo

Con Martins Indi ammonito Van Gaal si tutela e butta subito nella mischia Daryl Janmaat. Il secondo tempo dal punto di vista dello spettacolo riesce se vogliamo ad essere più soporifero del primo. La posta in palio è importante e lo si vede dall’atteggiamento difensivo di Argentina e Olanda che non riescono mai ad innescare i rispettivi fuoriclasse Robben e Messi. Sabella prova a dare la scossa ai suoi inserendo una quarta punta, Palacio al posto di Perez. Aguero prende il posto di Higuain, ma il messaggio del ct albiceleste non arriva ai suoi giocatori: non succede nulla fino alla fine. Si va ai tempi supplementari

Supplementari

Van Persie è totalmente fuori dalla partita, così Van Gaal sacrifica il suo ultimo cambio destinato al portiere para rigori ed inserisce Huntelaar nella mischia al posto del capitano dell’Olanda. L’occasione più clamorosa di tutta la partita capita però sulla testa di Palacio che con un velleitario pallonetto si fa parare il colpo da Cielessene in presa. i 120 minuti si chiudono sullo 0 a 0.

Rigori

Ai rigori per l’Olanda decisivi gli errori di Vlaar e Sneijder, con Romero che ha parato i tiri dal dischetto dei due giocatori di Arsenal e Galatasaray. Van Gaal questa volta a differenza di quanto fatto ai quarti di finale non inserisce Krul e si affida al titolare Cielessen che però non para neanche un rigore. Perfetti invece gli uomini della squadra di Sabella, che grazie al rigore decisivo di Maxi Rodriguez staccano il biglietto per la finale dei mondiali in Brasile 2014.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.