Palermo, omicidio clochard: confessa il giovane rom fermato

0
palermo omicidio clochard

Aldo il clochard è stato ucciso con una spranga da un sedicenne romeno che gli ha rubato i soldi. È stato interrogato sino a notte fonda dai carabinieri dopo il fermo per “gravi indizi di colpevolezza”. Il ragazzo è stato rintracciato grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza e quando è stato fermato indossava gli stessi vestiti della sera dell’omicidio.

Ucciso per 25 euro, così è morto il clochard di Palermo

Il sedicenne romeno che ha ucciso il clochard Aldo abita insieme alla famiglia a Ballarò. Dal comando hanno spiegato che le indagini hanno consentito di acquisire gravi indizi della sua colpevolezza ed è stato portato nel centro di prima accoglienza di Malaspina. Le immagini hanno ripreso il suo passaggio dai portici di Piazza Ungheria dove era solito stare Aldo, inoltre un altro clochard ha riferito ai carabinieri la sua testimonianza che è stata decisiva per incastrare il sedicenne. Aldo presentava profondi ferite alla festa, i commercianti della zona ricordano che erano un uomo mite, condivideva il luogo eletto a “dimora” insieme all’inseparabile gatto Helios che lo ha vegliato per tutta la notte. I commercianti hanno raccontato che Aldo temeva le incursioni delle bande di ragazzini rom, e proprio uno di loro lo ha ammazzato per 25 euro, anche se ha confessato di non aver alcuna intenzione di ucciderlo.

Portico intitolato ad Aldo il clochard “Martire per amore e libertà”

Sotto i portici di Piazza Ungheria a Palermo è apparsa una targa di cartone con un foglio bianco dove c’è scritto ”Portico Abdellah Aldo Aid, martire per l’amore e la libertà”, lo hanno affisso residenti e commercianti usando il nastro adesivo, in memoria di Aldo. Un gesto spontaneo. Il comune ha già avviato la procedura per intitolare l’angolo al clochard francese 56enne. Nella “casa” di Aldo continuano a portare fiori, foto e poesie e si moltiplicano i pezzi di cartone e i piccoli. Un bambino ha lasciato addirittura delle monetine. Su un altro foglio invece c’è scritto: “Chiedeva un tetto di cartone alla sua libertà”. La salma di Aldo è nella camera mortuaria del Policlinico a disposizione di chi vuole dargli un ultimo saluto, mentre i funerali si terranno sabato 22 dicembre alle 10 nella chiesa di San Francesco di Paola.

Leggi anche le altre Notizie di attualità e curiosità di ZZ7 anche su Google News e premi la Stellina cliccando QUI sotto per seguire le News.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.