Cronaca

Pedalò funesto a Rimini: 17enne rischia paralisi

Un 17enne dell’Alto Adige si è tuffato dal pedalò a Rivazzurra (Rimini) ed ora rischia la paralisi. Il giovane non si era reso conto che in quel punto l’acqua era basso. Inevitabile, così, l’urto contro il fondale. Il 17enne aveva noleggiato il pedalò con alcuni amici.

Tuffo dal pedalò per rinfrescarsi

Il minorenne cercava solo un po’ di refrigerio in una giornata afosa di luglio. Con alcuni amici si era recato a Rivazzurra ed aveva noleggiato un pattino. La scelta è stata, per lui, fatale. Il ragazzo, all’altezza di Bagnolelio di Rivazzurra, ha deciso di tuffarsi: non aveva considerato, però, che l’acqua era bassa in quel punto. L’impatto col fondale è stato forte. Chi si trovava a riva si è accorto subito della gravità della situazione ed ha chiamato il 118 e il 112. Gli operatori sanitari e i carabinieri sono arrivati subito. Ora il 17enne altoatesino si trova all’ospedale Bufalini di Cesena in gravissime condizioni. Quel pattino rischia di costargli una paralisi. I medici, comunque, stanno facendo il possibile per ridurre i danni. E’ estate, fa caldo, e molte persone, soprattutto i ragazzi, optano per un bel giro sul pedalò. Bisogna fare molta attenzione, però!

Rimini: un anno fa incidente simile col pedalò

Un episodio molto simile a quello avvenuto due giorni fa a Rivazzurra, era accaduto l’anno scorso, sempre a Rimini. Un 12enne tedesco, arrivato in Italia coi genitori, si stava facendo un giro sul pedalò con alcuni amichetti. All’improvviso ha cercato un po’ di refrigerio e si è tuffato in acqua, non considerando il livello del mare, in quel punto decisamente basso. Il povero tedesco ha sbattuto la testa contro il fondale, procurandosi un grave trauma cranico. Anche in tal caso, un giro in pedalò si è rivelato deleterio. Ad accorgersi di tutto e ad avvertire i soccorsi furono alcuni passanti. Il 12enne venne subito portato al Bufalini di Cesena, dove i medici gli riscontrarono, oltre al trauma cranico, anche lesioni vertebrali e midollari.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.