Picchia e minaccia di morte la figlia perché fidanzata con un italiano

By | 9 gennaio 2018

Storia incredibile quella di oggi, che arriva da Busto Arsizio, ove un padre, picchia e minaccia di morte la figlia perché fidanzata con un italiano!
Ebbene si, una vicenda che sulla scia della storia d’amore per eccellenza, che su “Quel ramo del lago di Como”, ha visto protagonisti Romeo e Giuglietta, ha visto oggi, un uomo di origine cinese, essere arrestato, per aver picchiato e minacciato di morte la figlia, perchè innamorata di un ragazzo italiano. Tutti i dettagli …

Una storia d’amore

Gli agenti del commissariato di Busto Arsizio, allertati da una telefonata della giovane infatti, hanno arrestato un uomo di origine genitore cinese, perchè si opponeva ormai da diverso tempo, in ogni modo, alla relazione della figlia con un ragazzo italiano.
Il padre osteggiava infatti la relazione tra la figlia ed un ragazzo italiano, ormai da diverso tempo ma ultimamente la situazione era degenera, in seguito al rifiuto della giovane di interrompere il rapporto. L’uomo difatti, ha risposto al rifiuto della figlia con percosse e minacce di morte a lei ed al fidanzato.
Una situazione che era diventata ormai insopportabile, tanto che la giovane, dopo aver minacciato persino il suicidio, si è decisa a chiamare la polizia e a fare arrestare il padre.

loading...

L’arresto

L’uomo è stato infatti arrestato per maltrattamenti in famiglia ed è stato portato in carcere, dove è a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Intervenuti in seguito alla chiamata della giovane, gli agenti hanno trovato l’uomo, di 53 anni, fortemente alterato e la giovane, rinchiusa in camera. Di fronte agli agenti del Commissariato di Busto Arsizio, l’uomo non si è rasserenato ed anzi, ha cercato di aggredire ancora la figlia.
Oppostosi da tempo, in ogni modo alla relazione della figlia con un giovane italiano, l’uomo non si è fermato neanche di fronte al tentativo di lei, di suicidio, sventato fortunatamente dall’intervento del fratello, che l’aveva trascinata giù, dal davanzale del balcone da cui aveva minacciato di lanciarsi nel vuoto.
Una storia d’altri tempi insomma, scoperta dagli agenti del Commissariato, allertati dalla chiamata della giovane in lacrime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *