Quanto costa rivolgersi a un agente immobiliare

By | 29 luglio 2018

Chi ha in mente di fare affidamento su un agente immobiliare per la ricerca di una casa o per mettere in vendita un immobile di cui è proprietario deve tenere conto dei costi da sostenere in tal senso, e in particolare della provvigione che dovrà essere pagata per l’attività di mediazione fra le parti. Indicare un’entità precisa della provvigione valida in maniera univoca non è possibile, dal momento che essa cambia in base alla zona geografica in cui ci si trova, alla percentuale che viene applicata e al valore dell’immobile.

Lo scopo della provvigione, come si è detto, è proprio quello di garantire una remunerazione dell’attività di mediazione che l’agente immobiliare esegue. Questo vuol dire che il diritto al compenso viene maturato dall’agente già nel momento in cui viene stipulato dalle parti il contratto preliminare di vendita. In pratica, la provvigione non consiste in una retribuzione correlata al buon esito dell’acquisto o della vendita della casa, ma serve a remunerare solo il fatto che l’agente ha messo le parti in relazione e le ha indirizzate verso la conclusione dell’affare, a prescindere dalla sua fine. Insomma, anche se il contratto di compravendita non viene firmato, l’agente deve comunque essere pagato.

Dal punto di vista tecnico, l’agente deve essere pagato al momento della conclusione dell’affare, e cioè quando l’acquirente e il venditore costituiscono un vincolo giuridico valido: non si tratta del contratto di compravendita finale ma del contratto preliminare. Non può essere chiesto alcun compenso, d’altro canto, se tra le parti non c’è stata alcuna attività di mediazione e l’agenzia ha solo fatto visionare gli appartamenti o consigliato una sola delle due parti in causa.

Resta da capire, a questo punto, a chi spetti il pagamento della provvigione: ebbene, essa è a carico di tutte e due le parti, a meno che l’acquirente e il venditore non pervengano a un accordo diverso. Insomma, la legge non vieta che la remunerazione dell’agenzia immobiliare sia unicamente a carico di chi compra o di chi vende, ma a patto che ciò sia specificato nel contratto. Prima di firmare il mandato di agenzia, è sempre opportuno verificare questo dato, e in ogni caso è preferibile chiedere in anticipo all’agente da chi dovrà essere erogata la provvigione. La posizione dell’agente è quella di un mediatore esterno, e quindi una terza parte sia rispetto al compratore che rispetto al venditore: ciò vuol dire che non devono sussistere rapporti di dipendenze o di collaborazione tra le parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.