Reddito di inclusione per oltre 300mila italiani: tante richieste al Sud

By | 28 marzo 2018

reddito-di-inclusione-sociale-povertàIl reddito di inclusione è certamente una delle migliori misure, in Italia, per contrastare la povertà. In attesa di un probabile arrivo del reddito di cittadinanza targato 5 Stelle, l’Osservatorio statistico sul reddito di inclusione, mostrato nelle ultime ore dall’Inps e dal Ministero del Lavoro, sottolinea che il Rei è stato riconosciuto a 316.693 persone (ovvero 110mila nuclei familiari). Sono circa 47mila invece coloro che beneficiano del Sia (Sostegno di inclusione attiva). I dati sono stati presentati sia dal numero uno dell’Inps, Tito Boeri, che da Roberto Rossini, presidente delle Acli e portavoce dell’Alleanza contro la Povertà.

Reddito di inclusione strumento efficace per combattere la povertà

‘I dati dicono che il Rei è uno strumento efficace in particolare nell’attenzione al Sud a alle famiglie numerose e con disabili. È la strada giusta e dobbiamo continuare a percorrerla’, ha detto Rossini mentre snocciolava i dati sui strumenti contro la povertà in Italia. I soggetti che, nel primo trimestre del 2018, hanno usufruito delle misure contro l’indigenza sono circa 900mila: 7 beneficiari su 10 vivono al Sud. Campania, Sicilia e Calabria sono le regioni in cui vivono più percettori di sostegni economici.

‘Non è la stessa cosa essere poveri in Trentino o in Campania: la grande sfida sarà intervenire sul welfare locale’, ha aggiunto Rossini. L’entità del reddito di inclusione non è la stessa per ogni regione. L’importo medio è pari a 297 euro, quello minore (in Valle d’Aosta) è di 225 euro e quello maggiore (in Campania) è di 328 euro. L’importo corrisposto a chi vive al Sud e al Centro, insomma, è maggiore rispetto a quello versato alle famiglie del Nord. E’ indubbio che, ad oggi, il Reddito di inclusione rappresenti uno dei maggiori viatici per le famiglie italiane.

Sostegno generoso con le famiglie numerose

Secondo i dati riportati di recente, il Rei ‘risulta più generoso con le famiglie più numerose. Quindi si muove su un’ottica di equità’. Il portavoce di Alleanza ha anche affermato che ‘i dati ci dimostrano che lo strumento è quello giusto. È importante proseguire su questa strada, rafforzandolo sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. È i infatti necessario aumentare le risorse per raggiungere tutte le persone in povertà assoluta e per ampliare l’importo del beneficio economico erogato. È altrettanto importante investire sui servizi del welfare locale, chiave essenziale per far sì che la misura sia efficace in modo uniforme su tutto il territorio nazionale . Ad un anno dalla firma del memorandum, possiamo esprimere apprezzamento per il lavoro svolto’.

Rei 2018: importo

Gli importi del reddito di inclusione sociale erogato alle famiglie italiane, variano in base al numero dei componenti del nucleo familiare e del livello di povertà. Ecco gli importi:

  •  Famiglia con 1 componente: importo di 187,5 euro al mese
  •  Famiglia con 2 componenti: 294,38 euro al mese
  •  Famiglia con 3 componenti: 382,5 euro al mese
  • Famiglia con 4 componenti: 461,25 euro al mese
  • Famiglia con 5 e più componenti: 534 euro al mese

La domanda per ottenere il Rei va presentata al Comune di residenza. Basta riempire un modulo e consegnarlo. Non possono beneficiare del Reddito di inclusione coloro che percepiscono un sussidio di disoccupazione o che, nei 2 anni precedenti, hanno acquistato una moto, un’auto o una barca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.