Sindaco di Viareggio cacciato dal ristorante per i bermuda

By | 9 agosto 2017

Sindaco di Viareggio in bermuda al ristorante: cacciato dal cameriereDisavventura per il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro. Ieri, il primo cittadino si era dato appuntamento con alcuni amici in un ristorante, per trascorrere una piacevole e informale serata ma qualcosa non è andato per il verso giusto. In particolare, Del Ghingaro non aveva un outfit consono al locale: indossava bermuda, capo d’abbigliamento non ammesso nel ristorante sul porto. A parlare della sgradevole circostanza è stato proprio il diretto interessato, su Facebook, postando una foto corredata da una lunga didascalia. Il sindaco di Viareggio non si sarebbe mai aspettato di ricevere un trattamento simile dallo staff di quel ristorante che, secondo lui, dovrebbe avvisare preventivamente i clienti sui look ammessi e non ammessi. Nel lungo post, Del Ghingaro ha definito la circostanza ‘sgradevole’, ‘un po’ umiliante’ e ‘spiacevole’.

Pantaloni corti e camicia: era un incontro informale

‘Ho avuto la brutta sensazione di aver subito una piccola violenza’, ha scritto il sindaco di Viareggio sul popolare social network, riferendosi allo sgradevole episodio presso il ristorante sul porto della nota località in Versilia. Il primo cittadino ha precisato di aver indossato camicia e pantaloni corti perché si trattava di un incontro informale con amici.

‘Arriviamo, ci fanno sedere a un tavolo sulla terrazza sul mare, chiacchieriamo con altre persone che conosco ad un tavolo vicino, ci raccontiamo la giornata, rilassati e contenti di rivederci’, scrive Del Ghingaro su Fb. Poi è arrivato un cameriere che lo ha invitato ad uscire dal locale per i suoi bermuda, non ammessi. Il sindaco, allibito, ha detto al cameriere di non essere al corrente della ‘regola’ sull’outfit e che comunque era ‘in libera uscita’. Il dipendente, allora, si assenta per qualche minuto e poi ritorna, comunicando al primo cittadino che deve assolutamente lasciare il locale perché le regole non contemplano un modo di vestire del genere.

Del Ghingaro umiliato dal cameriere

‘A quel punto non mi rimane che alzarmi, salutare le persone stupite al tavolo vicino, chiedere scusa ai miei amici e uscire, non senza vergogna’, continua Del Ghingaro su Facebook. Adesso Giorgio sa che in quel ristorante ci si va solo coi pantaloni lunghi, anche se è perplesso per il fatto che non c’è nessun cartello che avvisa i clienti riguardo agli outfit vietati.

Il lungo post del sindaco di Viareggio termina con queste parole: ‘Giuro che la prossima volta (non certamente lì, garantisco) m’informerò prima di entrare. Ma poi, detto tra noi, ero davvero vestito così male??!!’. Chiaramente il cameriere non ha escluso il sindaco perché era vestito male ma per il fatto che in quel locale non sono ammesse persone coi bermuda. ‘Ignorantia legis non excusat’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.