Sofia è morta: il fallimento del metodo Stamina

By | 31 dicembre 2017

Sofia Stamina morteLa piccola Sofia De Barros ha perso la sua lunga battaglia contro una rara e terribile malattia: la leucodistrofia metacromatica. Sofia era diventata l’emblema del ricordo al dibattuto metodo Stamina, creato da Davide Vannoni. Dopo varie infusioni di staminali, secondo il protocollo Stamina, le condizioni della piccola erano migliorate. Il caso era diventato virale anche perché se n’erano occupate diverse trasmissioni televisive. I genitori, inoltre, avevano postato su Facebook numerosi e commoventi video che mostravano i progressi di Sofia. Il metodo Stamina, però, a un certo punto era stato bocciato da due commissioni ministeriali.

Il tramonto definitivo del metodo Stamina

Il simbolo della lotta per l’accesso al metodo Stamina non ce l’ha fatta. La morte di Sofia sancisce il tramonto del metodo Stamina. Quelle infusioni erano servite a poco.

La triste notizia del decesso di Sofia è stato comunicato dal papà e dalla mamma sui social: ‘Ieri sera la nostra piccola straordinaria bambolina Sofia è volata in cielo, direttamente dalle braccia di mamma e babbo. Ora per lei non esiste più dolore, c’è solo amore. Grazie a tutti quelli che l’hanno amata e che la ricorderanno nelle loro preghiere’.

Caterina Ceccuti, mamma di Sofia, e Guido De Barros, il papà, hanno fondato la Onlus ‘Voa Voa, amici di Sofia’ che aiuta i genitori e i parenti di bimbi affetti da rare patologie o malattie incurabili.

L’arresto di Vannoni

Davide Vannoni, ‘padre’ del metodo Stamina, era sicuro di riuscire a guarire malattie con l’infusione di cellule staminali. Il metodo è stato molto criticato e, alla fine, è stato stroncato anche dal Ministero. Del resto, c’era da aspettarselo. Nessuno degli adulti e dei bimbi sottoposti a tale pratica è mai guarito.

Nei mesi scorsi, Davide Vannoni è stato arrestato. Una figura controversa, dipinta in vari modi. Per molti Vannoni è, e resterà, un venditore di illusioni, un pifferaio che ha giocato con la disperazione altrui per fini di lucro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.