Sorelline chiuse in auto senza acqua e cibo: ordine della santona

By | 27 ottobre 2017

Santona ordina di chiudere sorelline in auto: morteDue sorelline americane, Makayla Roberts, 10 anni, e Hannah Marshall, 8 anni, sono state ritrovate senza vita in una macchina a Norwood, località che dista circa 30 miglia da Telluride, in Colorado. Le bimbe erano state chiuse in una macchina, senza cibo e acqua, su ordine di una santona. Gli investigatori ritengono che le due sorelline fossero morte alcune settimane prima del loro ritrovamento. L’identificazione delle piccole è avvenuta qualche giorno fa, anche se la causa del decesso è ancora da accertare. Sul caso è stata aperta un’inchiesta, che vede accusati di omicidio la santona Madani Ceus, 37 anni, e la madre delle vittime, Nashika Bramble. Accusati di gravi abusi su minori, invece, 3 persone che vivevano in una fattoria, divenuta di fatto il quartier generale di una sorta di setta. Le piccole Makayla e Hannah avevano padri diversi ma, secondo gli inquirenti, gli uomini sarebbero estranei alla terribile vicenda. I membri della setta reputavano leader la Ceus e proprio questa avrebbe ordinato di chiudere le due sorelline nella vettura.

Le sorelline erano ‘impure’ per la santona

Un uomo ha rivelato agli investigatori che la santona Ceus si faceva chiamare ‘Ama’ o ‘Yahweh’ ed aveva ordinato di lasciare le bambine in auto, senza cibo e acqua, perché le considerava ‘impure’. Un altro membro del gruppo, Nathan Yah, avrebbe invece negato tale versione, sostenendo che alle piccole sarebbe stato permesso di lasciare l’auto per andare in bagno e mangiare e bere.

La santona aveva detto agli investigatori, inizialmente, di non sapere chi fosse responsabile della morte delle ragazzine, e chi le avesse chiuse in macchina. Un ex componente del gruppo ha affermato che ha molto paura della santona perché ha un carattere strano. In poco tempo aveva soggiogato molte persone.

La Polizia, quando ha scoperto i cadaveri delle piccole, ha capito subito che le due erano morte da qualche settimana.

I 5 accusati dovranno presentarsi  davanti a una corte della Contea di San Miguel il prossimo 20 novembre 2017.

Santoni pericolosi

Nuova storia di santoni pericolosi. Non solo in Italia ci sono sedicenti maghi e veggenti che cercano spesso e volentieri di sottrarre denaro alla gente. Alcuni, anche nel Bel Paese, sono diventanti estremamente pericolosi, come quella del Colorado. Tali soggetti si pongono al vertice di vere e proprie organizzazioni basate su regole indecenti. Tali associazioni, se così le vogliamo chiamare, signoreggiano perché le nazioni sono assenti.

Il mondo delle sette è inquietante, un mondo da cui bisogna stare lontani. La dottoressa Lorita Tinelli, del Centro Studi Abusi Psicologici, aveva detto: ‘Queste organizzazioni funzionano con la stessa logica della mafia. Se tu parli, critichi, attacchi e hai il coraggio di esporti ti bastonano fino a farti zittire. La mafia ti mette nell’acido, questi ti rovinano la reputazione per sempre’.

Le parole dell’esperta Tinelli, fanno riflettere sulla gravità del problema. Noi possiamo aggiungere che le sette e i santoni possono anche uccidere. Il caso delle sorelline chiuse in auto in Colorado ne è chiara testimonianza.

Il mondo delle sette e dei santoni è pauroso, costellato da gente desolata, devastata e depressa. In Italia i santoni proliferano perché non sussiste il reato di manipolazione mentale. Forse, qualche vuoto normativo, in tema, c’è anche negli States.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *