Suicida per bullismo, l’appello dei genitori di Dolly Everett

By | 11 gennaio 2018

Australia, Dolly si suicida per i bulliIl bullismo miete un’altra giovane vittima. Silvia Renda Amy ‘Dolly’ Everett aveva 14enne e viveva in Australia. Era diventata celebre per uno spot pubblicitario e, purtroppo, è balzata agli onori delle cronache. Silvia si è suicidata per colpa dei bulli, per il bullismo 2.0. Il padre e la madre di Dolly sono devastati e vogliono che nessun altro ragazzo faccia la fine della 14enne. Per tale ragione, hanno pubblicato un accorato appello su Facebook, rivolto a quelli che hanno portato la figlia al suicidio. I genitori di Silvia vogliono far comprendere ai bulli che le loro parole, postate sui social, fanno male come lame taglienti. Andiamo a leggere, dunque, il mesto appello del papà di Dolly.

loading...

‘Il mio angelo aveva una gran forza’

‘Vorrei ringraziare tutti per le parole gentili e di supporto. La vostra solidarietà è un esempio di come i social media dovrebbero essere utilizzati. So che un suicidio è considerato un atto codardo, ma vi garantisco che il mio angelo aveva una gran forza. Voleva sfuggire al male di questo mondo, ma non conoscerà mai il dolore che ha lasciato alle spalle… Se pensate che il bullismo sia uno scherzo, se vi sentite superiori, leggete questo post, venite al funerale e assistete alla devastazione che avete creato. Se possiamo aiutare altre vite preziose a uscire dallo smarrimento e dalla sofferenza, la vita di Doll non sarà sprecata’.

Campagna contro il cyberbullismo

Una foto di Dolly, scattata 8 anni fa, era stata usata nelle campagne natalizie di Akubra. Adesso i genitori della ragazzina pensano di lanciare una campagna contro il cyberbullismo, per sensibilizzare i giovani sugli aspetti negativi del bullismo e degli abusi sui coetanei.

Tick e Kate, genitori di Dolly, e la sorella Meg, hanno detto nelle ultime ore che il ‘mondo è crollato su di noi’.

Intanto sul web gli hashtag #doitforDolly e #stopbullyingnow sono tra i trending topics.

Messaggi di solidarietà

‘Nostra figlia Dolly era la più gentile, premurosa, bella anima, e si prendeva sempre cura di animali, bambini piccoli, altri bambini in collegio che erano meno fortunati di lei’, hanno dichiarato i genitori della 14enne suicida.

Ai parenti di Dolly stanno arrivando tanti messaggi di cordoglio e solidarietà.

L’ex primo ministro Kevin Rudd ha scritto: ‘Qualsiasi forma di bullismo è un assalto ai nostri valori…’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *