Cronaca

Vannoni arrestato: praticava metodo Stamina all’estero

Davide Vannoni, il ‘padre’ del discusso metodo Stamina è stato arrestato nelle ultime ore a Torino, nella sua villa. Le manette sono scattate per lo psicologo perché, nonostante i divieti imposti dalle autorità e dai giudici italiani, avrebbe continuato a praticare il metodo Stamina all’estero, precisamente a Tbilisi, in Georgia. Diversi mesi fa, balzò agli onori delle cronache la notizia relativa all’approdo in Georgia di diversi malati italiani che, in passato, erano stati sottoposti ai trattamenti con il metodo Stamina per curare neoplasie o malattie neurodegenerative.

Vannoni ci ricasca

Lo psicologo Vannoni, dunque, ci ricasca e finisce in galera. I carabinieri, stamane, si sono presentati nella sua villa sulle colline torinesi, notificandogli un ordine di arresto per le sue attività in Georgia. La scorsa estate anche le autorità di Tbilisi avevano ordinato lo stop alle attività di Vannoni, nel Paese. In Italia il metodo Stamina era stato bocciato dai giudici, dalle autorità sanitarie e dai comitati scientifici. Nonostante tali divieti, lo psicologo continuava a praticare le infusioni in Georgia, facendo venire in tale nazione sia i donatori di staminali che i pazienti. Andrea Zicchieri, 52enne affetto da una patologia dei motoneuroni, aveva dichiarato di aver sborsato 18.000 euro a Vannoni per le infusioni a Tbilisi.

Il metodo Stamina è una truffa per il tribunale di Torino

Il tribunale di Torino, sulla base della documentazione in suo possesso, ha definito ‘truffa’ il metodo Stamina. Un Comitato di esperti designato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin aveva spiegato che Stamina non solo non reca nessun vantaggio ai pazienti ma danneggia la loro salute. Tale conclusione è stata condivisa da tutte le istituzioni scientifiche nazionali e internazionali.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.