Vittima di bullismo si sfoga e piange su Facebook

By | 11 dicembre 2017

Il bullismo è una grave piaga anche negli Usa. Ogni giorno tanti bimbi vengono offesi e maltrattati da amici e compagni di scuola. Non tutti, purtroppo, hanno la forza e il coraggio di segnalare gli abusi e gli aguzzini. Keaton Jones è un bambino del Tennessee vittima di bullismo che, nelle ultime ore, si è voluto sfogare su Facebook. Il video, ripreso dalla mamma Kimberly, è diventato virale ed ha commosso anche tante celebrità, del calibro di Justin Bieber e Katy Perry.

Bulli vanno segnalati

Keaton Jones è stanco di subire continuamente vessazioni dai bulli, è stufo di vivere nel terrore, e per questo ha voluto esprimere la sua rabbia su Facebook.

Kimberly ha detto che è stato proprio Keaton a chiederle di riprenderlo in auto. Il breve video mostra il piccolo che racconta quello che è costretto a subire, invitando tutti quelli che si trovano nelle sue stesse condizioni a segnalare i bulli.

La madre della vittima di bullismo ha postato il filmato venerdì scorso sulla sua pagina Facebook.

Lo hanno chiamato brutto

Nel video Keaton dice che i bulli lo hanno chiamato brutto, lo hanno preso in giro per il suo naso e gli hanno detto che non ha amici. Non è finita qui: i ragazzini violenti hanno versato latte sul bimbo ed infilato prosciutto nei vestiti.

‘Solo per curiosità, perché fanno i prepotenti? Qual è il punto? Perché si divertono a prendere persone innocenti, trovando poi un modo per essere cattivi con loro? Non va bene’, dice Keaton in lacrime.

Video visualizzato oltre 22 milioni di volte

‘Le persone che sono diverse non devono essere criticate. Non è colpa loro. Se qualcuno ti deride, non lasciarti disturbare’, aggiunge la piccola vittima di bullismo.

Il filmato è stato visto oltre 22 milioni di volte su Facebook, poi è passato su Instagram, attirando l’attenzione di personaggi famosi del calibro di Katy Perry, Victoria Beckham e Justin Bieber.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.