Ylenia Carrisi, Svolta nelle Indagini: Uccisa da Camionista?

0
Ylenia Carrisi, Svolta nelle Indagini: Comparazione Dna Genitori con Ossa Trovate in Florida

Ylenia Carrisi, Svolta nelle Indagini: Comparazione Dna Genitori con Ossa Trovate in FloridaChe fine ha fatto Ylenia Carrisi, figlia di Al Bano e Romina Power? La ragazza scomparve nel 1993 a New Orleans e di lei non si seppe più nulla. Nel corso di questi anni sono state fatte molte ipotesi e sono stati tirati in ballo molti personaggi, tra cui un santone. Nessuno, però, è riuscito a fornire informazioni utili. Forse ora si è arrivati a una svolta

 

Dna Al Bano e Romina Power comparato con resti trovati in Florida

L’inchiesta relativa alla scomparsa della Carrisi, dunque, potrebbe essere chiusa presto, visto che quelle ossa scoperte in Florida nel 1994 apparterrebbero proprio alla figlia di Al Bano e Romina. I medici, ora, dovranno comparare il Dna di Al Bano e Romina Power con i resti di un cadavere scoperto in Florida 21 anni fa. Il camionista, nel 1996, confessò di aver ucciso una ragazza che faceva l’autostop, sottolineando che la giovane si chiamava Suzanne ed era incerta sulla sua meta: pare volesse recarsi in California o in Nevada.

Ylenia, dunque, non è stata trucidata da quell’artista di strada conosciuto a New Orleans? Si attende l’esito della comparazione del Dna. Una circostanza da non sottovalutare, comunque, è che Ylenia aveva scelto Suzanne come suo pseudonimo.

In Florida, nel 1994, vennero ritrovati resti di donna. Nessuno seppe mai a chi appartenessero tali spoglie e nessuno cercò di scoprire se, effettivamente, quei resti fossero della Carrisi, visto che era scomparsa qualche mese prima. Chissà perché nessuno cercò di indagare di più su tale misterioso episodio? Fatto sta che nessuno è stato in grado di ritrovare la figlia di Al Bano e Romina, di cui, l’anno scorso, è stata dichiarata la morte presunta.

Al Bano: “Non ho davvero argomenti su questa storia”

Al Bano, ovviamente, è molto provato. Non ha più lacrime da piangere per la sua amata figlia Ylenia:

“Non ho davvero argomenti su questa storia. E’ dolorosa, amara. I carabinieri ci hanno chiesto questo accertamento, noi lo abbiamo fatto. Ora vediamo che succede”.

Romina e Al Bano, dunque, devono nuovamente affrontare una vicenda triste della loro esistenza, che ancora presenta molti punti da chiarire. Come è morta Ylenia? L’ha uccisa veramente il camionista, oppure è stato il sassofonista conosciuto a New Orleans? Ylenia Carrisi aveva 24 anni e si era recata a New Orleans perché era una città che le piaceva, dove avrebbe voluto scrivere un libro. A un certo punto, però, la Carrisi conobbe un personaggio misterioso, il sassofonista Alexander Masalkela, conosciuto col nome di Mescal. Ylenia rivelò ad Al Bano, durante una delle tante telefonate, che Mescal era un uomo con “grande karma”.

Ylenia Carrisi: omicidio o suicidio?

Gli investigatori hanno scoperto che Ylenia, il giorno prima della sua scomparsa, aveva preso una camera in un hotel del quartiere francese di New Orleans, assieme al sassofonista Mescal. Era il 31 dicembre e Ylenia non riusciva ad addormentarsi per via dei fuochi d’artificio. Uscì dalla camera e disse alla titolare dell’albergo che non aveva sonno; poi lasciò la struttura e di lei non si seppe più nulla. Molti ritengono che, dopo essersi allontanata dall’hotel, Ylenia si gettò nelle acque del Mississipi ed affogò. Ovviamente si tratta di ipotesi.

L’anno scorso, a 20 anni dalla scomparsa di Ylenia, Al Bano si è recato nel Tribunale di Brindisi per la dichiarazione di morte presunta. L’artista ha detto al riguardo:

“Un padre non vorrebbe fare mai una cosa simile. Ho aspettato venti anni per questo pezzo di carta assurdo. Mi hanno fatto capire i problemi legali a cui saremmo andati incontro, in un momento di lucidità ho detto: facciamolo e buonanotte!”.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.