Adolescenza dura fino a 24 anni: ecco perché

By | 22 gennaio 2018
Adolescenti fino a 24 anni, oggi si diventa autonomi tardi

Closeup portrait of young men and women holding cellphone

Oggi l’adolescenza si spinge più in là, dura fino a 24 anni. E’ la scienza che lo dice. Una ricerca pubblicata sull’autorevole magazine Lancet Child & Adolescent Health ha sottolineato che i giovani d’oggi iniziano ad essere completamente autonomi quando hanno circa 24 anni. I motivi sono diversi, come la lunga permanenza nel sistema educativo e nella famiglia, con papà e mamma. La decisione di avere una famiglia e figli, poi, viene generalmente presa tardi. Si è adolescenti per molto tempo al giorno d’oggi e si forma una famiglia tardi. L’Office of National Statistics britannico ha dichiarato che gli uomini, in media, mettono su famiglia a 32,5 anni; le donne invece a 30,6.

La pubertà arriva a 10 anni

loading...

Susan Sawyer, direttrice del Centro per la salute degli adolescenti del Royal Children’s Hospital di Melbourne, ha detto che bisogna ‘modificare la definizione per assicurare ai ragazzi una maggior appropriatezza, anche dal punto di vista legale’.

L’adolescenza dura molto, oggi, e la pubertà arriva a 10 anni. Prima rispetto al passato. Anche in tal caso, i motivi sono vari, come il miglioramento delle condizioni di salute e la buona alimentazione.

Nel Regno Unito il 50% delle 12enni sono già donne. La pubertà precoce, secondo gli esperti, ha anche alcuni inconvenienti. Le ragazzine possono, ad esempio, cadere in depressione o avere patologie cardiovascolari e neoplastiche.

Cervello matura oltre i 20 anni

Insomma, oggi la pubertà arriva prima e l’adolescenza è ‘amplificata’. La Sawyer ha aggiunto: ‘Il cervello, per esempio, continua a maturare oltre i 20 anni, lavorando più velocemente e con più efficienza. O i denti del giudizio: nella maggior parte delle persone non compaiono prima del 25 anni…’.

Beatriz Luna, psichiatra della Pittsburgh School of Medicine, ritiene che ogni comportamento tipico dell’adolescenza, come l’agitazione la voglia di sperimentare cose nuove, non raggiunge il suo apice a 15 anni ma a 25, ovvero quando solitamente si lascia la famiglia.

L’adolescenza, oggi, non è collegata all’età anagrafica ma al contesto. Se un giovane si trova bene con la sua famiglia, può restare a casa anche fino a 30 o 40 anni senza acquisire mai l’autonomia e la responsabilità tipiche di chi forma una famiglia e fa figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *