Chirurgo firma fegato dei pazienti: ‘Ero stressato’, la condanna

By | 12 gennaio 2018

Chirurgo fegato pazienti BramhallUn chirurgo inglese firmava col bisturi il fegato dei pazienti. In sostanza, incideva sull’organo dei malcapitati le sue iniziali. Il caso è stato scoperto ed ora il chirurgo è stato condannato. L’uomo si era giustificato asserendo che aveva compiuto quel gesto aberrante su due pazienti perché era stressato. La scusa, comunque, non è servita a nulla. I magistrati britannici lo hanno condannato a lavorare gratuitamente per un anno e pagare una multa di 11.230 euro.

La confessione di Bramhall

Il chirurgo Simon Bramhall, 53 anni, aveva inciso le iniziali S e B sul fegato di due persone, durante i trapianti. Quando è stato scoperto, Bramhall ha confessato il suo deprecabile atteggiamento in sala operatoria.

Il chirurgo inglese aveva impresso le sue iniziali sul fegato di due pazienti 5 anni fa, presso il nosocomio Queen Elizabeth di Birmingham. Il luminare ha confessato le curiose azioni ma ha anche sottolineato di non aver procurato nessuna lesione ai pazienti, quindi non si ritiene responsabile di aggressione e danno fisico.

Scoperta del collega

Quelle iniziali segnate sugli organi, effettivamente, sono scomparse col passar del tempo, senza procurare ferite e dolori. A denunciare Simon era stato un collega che, durante un monitoraggio post-operatorio, aveva scoperto le iniziali S e B sul fegato dei pazienti.

Il magistrato Paul Farrer ha dichiarato nella sentenza: ‘Le due operazioni erano state lunghe e difficili, si può anche ammettere che quel chirurgo fosse stanco e stressato. Questo ha potuto avere un impatto sulla sua capacità di giudizio. Ma la sua condotta deriva da una arroganza professionale di dimensioni tali da tradursi in un comportamento criminale. Ha abusato del suo potere e tradito la fiducia che i pazienti avevano riposto in lui’ .

Infuriate anche le associazioni dei pazienti. Una di esse ha affermato: ‘Stiamo parlando di persone, non di libri per gli autografi’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...