Diletta Leotta, hackerato lo smartphone della conduttrice e foto hot in rete

By | 20 settembre 2016

Sono passati pochi giorni dalla morte di Tiziana Cantone, giovane campana che si è tolta la vita dopo che un video che la ritraeva in intimità con un ragazzo è finito in rete, diventando un vero e proprio tormentone, eppure poco o nulla è cambiato. Dopo la generale indignazione, il popolo della rete ha ritrovato la sua meschinità, rivolgendo la propria attenzione sulla giovane e sempre più in vista conduttrice di Sky Calcio Diletta Leotta.

Foto intime rubate dallo smartphone

Il telefono della bella siciliana, alla guida della rubrica di Serie B di Sky, sarebbe stato vittima di un attacco che avrebbe permesso ad ignoti di impossessarsi di foto private della ragazza, prontamente condivise in rete. Le foto, che ritraggono la Leotta in topless, sono state condivise insieme ad altre palesemente ritoccate, aumentando ancor di più il danno: inoltre, come ha dichiarato la diretta interessata, i file risalgono ad alcuni anni fa.

Immediati la denuncia ed il comunicato stampa

Non è chiaro come sia potuto accadere un episodio del genere: è già al lavoro la Polizia di Stato (Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano), dopo la pronta denuncia da parte della Leotta. Subito la conduttrice ha inoltre provveduto a rilasciare un comunicato stampa, dove viene confermata la ferma intenzione di risalire ai colpevoli e a chi per primo ha condiviso le foto, rendendole virali.

Come si legge nel comunicato, il pensiero della Leotta è ora rivolto anche a tutte le ragazze più giovani e meno in vista, che hanno ancora maggiori difficoltà nell’uscire da queste situazioni e che non hanno il coraggio, o che credono di non avere i mezzi per ottenere giustizia. Parole amare anche per tutti coloro che hanno condiviso o salvato le foto, che così facendo sono diventati parte di una rete di illegalità, contribuendo alla causa degli hacker e rendendo difficile, se non impossibile, rimuovere il materiale dal Web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.