Arte e cultura

Premio Campiello 2017 a Donatella Di Pietrantonio, ‘L’Arminuta’ commuove

Donatella Di Pietrantonio vince il Premio Campiello con 'L'Arminuta'‘L’Arminuta’ ha permesso a Donatella Di Pietrantonio, odontoiatra pediatrica classe 1963, di vincere il Premio Campiello, ormai arrivato alla sua 55esima edizione. La scrittrice non ha mai smesso di fare la dentista e, dopo essersi aggiudicata il noto premio letterario ideato dagli industriali veneti, ha rivelato: ‘Nei romanzi inserisco sempre un cameo legato alla mia attività’. La Di Pietrantonio ha ottenuto 133 voti e si è aggiudicata il prestigioso riconoscimento letterario, che ha dedicato alla sua regione, l’Abruzzo, da sempre ‘martoriata, colpita da terremoti, valanghe e incendi’. E proprio un termine del dialetto abruzzese la scrittrice ha scelto per intitolare il suo nuovo libro: arminuta significa ritornata. La protagonista della storia è infatti una ragazza adottata che, a un certo punto, viene riconsegnata ai genitori naturali. Un trauma forte. Non è semplice adeguarsi a nuovi ritmi, a una nuova vita, a nuove persone. Alla fine ‘l’arminuta’ riuscirà a ritrovare se stessa grazie ai fratelli Vincenzo e Adriana.

Stefano Massini secondo

Anche la 55esima edizione del Premio Campiello ha chiuso i battenti. La vincitrice, Donatella Di Pietrantonio ha vinto con una storia commovente, una storia di un doppio abbandono che destabilizza molto un’adolescente, ovvero la protagonista del libro. L’Arminuta ha convinto la giuria. La dentista ha avuto la meglio su Stefano Massini (seconda posizione) e Mauro Covacich (terza posizione). Una delle caratteristiche particolari del Premio Campiello è la composizione della giuria, di cui fanno parte non solo gli addetti ai lavori, quindi letterati e intellettuali, ma anche persone estranee a tale ambiente, come imprenditori e liberi professionisti.

Premio assegnato presso il Teatro La Fenice

Il Premio Campiello 2017 è stato consegnato alla Di Pietrantonio presso il Teatro La Fenice di Venezia davanti alla giuria presieduta da Ottavia Piccolo. Rosetta Loy, già vincitrice del Campiello nel lontano 1988, ha invece ottenuto il Premio alla Carriera.

Donatella in lacrime

Donatella è scoppiata in lacrime quando ha vinto l’importante riconoscimento. Poi ha detto: ‘Sono emozionatissima, felicissima. Voglio dedicare questo premio alle mie due famiglie: quella che mi ha generato e quella che ho costruito, e alle persone che hanno lavorato con amore intorno a questo libro. Ringrazio i lettori che lo hanno amato e le due giurie che lo hanno votato e i librai. Voglio portare questo premio in Abruzzo, nella mia regione che viene fuori da un anno orribile, che ha subito terremoti, valanghe e incendi’.

La storia della 13enne abruzzese restituita alla famiglia d’origine da quelli che, per molto tempo, aveva creduto suoi genitori, ha fatto centro nel corso della 55esima edizione del Premio Campiello. Vivi complimenti a Donatella Di Pietrantonio!

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.