Riccardo Scamarcio offende il pubblico al Bif&st di Bari: una provocazione?

By | 26 aprile 2017

Riccardo Scamarcio, attore pugliese, ha scelto proprio la sua regione per festeggiare il premio Vittorio Gassman, ottenuto per la sua interpretazione in ‘Pericle il nero’. Al Bif&st di Bari, però, Scamarcio si è lasciato andare. Mentre parlava della sua esperienza in teatro, ha iniziato a offendere il pubblico. L’attore, dopo aver sottolineato che il vero problema è il pubblico, quando un artista mette in scena uno spettacolo, ha dichiarato: ‘Ma che c…o vi applaudite? Fischiate? E chi se ne frega, non venite a teatro’.

‘Che c…o siete venuti a fare qui?’

Parole pesanti quelle di Scamarcio al Bif&st di Bari, che hanno fatto indignare gran parte dei presenti. Una signora ha iniziato anche a dargli le spalle. L’attore, però, non si è fatto intimidire dall’atteggiamento dei presenti, anzi ha rincarato la dose: ‘Che c…o siete venuti a fare qui?’. Riccardo è uno degli attori più famosi e ricercati italiani e, per tale ragione, nessuno avrebbe mai immaginato che si sarebbe comportato in un modo così basso nei confronti del pubblico, quel pubblico che, secondo lui, rappresenta il vero ‘problema’ durante ogni piéce teatrale.

Viva la libertà di espressione

Dopo le prime, volgari, parole qualcuno, al Bif&st si è messo a ridere, credendo che Scamarcio stesse scherzando; poi tutti hanno realizzato che l’attore faceva sul serio. Dal pubblico si sono levati cori di disapprovazione e termini come ‘cafone’. A una signora che gli aveva chiesto il motivo per cui era venuto a parlare di se stesso, volendo ‘strafare’, Riccardo ha risposto che lui è libero di dire quello che vuole e quando vuole: ‘Io in questo Paese sono libero, in pochi dicono quello che pensano’. Riccardo Scamarcio non voleva ovviamente offendere nessuno, ma il suo atteggiamento è stato ritenuto irritante dalla maggior parte dei presenti al Bif&st di Bari. Un episodio che farà discutere per molto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.