Curiosità

Selfie shock mostra effetto tumore della pelle sul viso: croste e cicatrici

Selfie Tawny Willoughby tumore della pelleTawny Willoughby è una ragazza americana che è riuscita a combattere un terribile tumore della pelle. Per sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione per combattere la patologia, ha voluto postare un selfie che ritrae il suo volto. Lo scatto è antecedente alla guarigione, quindi la faccia della giovane è piena di lesioni. L’effetto del selfie è stato sconvolgente. Si è registrato un boom di ricerche del termine ‘tumore della pelle’. Un fenomeno simile si era registrato quando Angelina Jolie aveva annunciato di essersi sottoposta a una doppia mastectomia.

Usava lettini abbronzanti fino a 5 volte a settimana

Il selfie, condiviso sui social un paio di anni fa, mostra il volto della 27enne americana pieno di croste e cicatrici. All’epoca Tawny si stava sottoponendo a un trattamento contro il cancro della pelle.

Sembra che la giovane fosse stata colpita dal tumore della pelle perché aveva la pessima abitudine di usare i lettini abbronzanti fino a 5 volte alla settimana.

‘Ecco come diventa il volto quando è sottoposto a un trattamento contro il tumore della pelle’, aveva scritto, nel 2015, la giovane Tawny, a corredo del selfie che ritraeva la sua faccia.

Quel post aveva fatto centro. Era stato commentato e condiviso moltissime volte. L’obiettivo dell’infermiera del Kentucky era quello di allontanare le persone dai lettini abbronzanti, perché molto pericolosi per la pelle.

Selfie vincente

Il selfie della Willoughby ha avuto un effetto positivo perché tanti internauti si sono documentati, hanno fatto ricerche sul cancro della pelle ed hanno capito che non bisogna assumere certi comportamenti. Non si devono usare spesso, ad esempio, i lettini abbronzanti.

Un team di esperti ha reso noto che la foto postata dalla 27enne del Kentucky ha avuto un impatto positivo. Sono aumentate del 162% le ricerche su Google relative al tumore della pelle.

Live Science ha dichiarato che tra il 13 e il 18 maggio del 2015 oltre 220mila persone hanno cercato il termine ‘cancro della pelle’ su Google.

In quello stesso periodo erano notevolmente aumentate le ricerche delle seguenti parole: ‘prevenzione del cancro della pelle’ e ‘abbronzatura’. Gli internauti, insomma, volevano saperne di più sul tumore della pelle e sui rischi derivanti dall’abbronzatura.

Quel post e quel selfie erano risultati vincenti, essendo stati ripresi anche da varie trasmissioni televisive e radiofoniche. Avevano riaperto il dibattito sul legame tra tumore della pelle e lettini abbronzanti.

Vita reale in un selfie

John Ayers, ricercatore di salute pubblica presso l’università di San Diego, ha spiegato che il selfie di Tawny ha avuto successo perché ritraeva la vita reale. Non c’era finzione dietro.

‘La gente si annoia quando sente gli stessi, vecchi, messaggi sulla salute degli esperti. Nell’era dei social media, invece, la gente non deve ipotizzare come il cancro della pelle possa ridurre il viso, può vederlo in un selfie’, ha detto Ayers.

Il ricercatore americano ha anche suggerito ai medici di usare la strategia dell’infermiera 27enne. Bisogna usare foto shock quando si discute pubblicamente su particolari malattie, sulla prevenzione e sulla salute.

La popolarità del post di Tawny è simile a quello con cui l’attrice Angelina Jolie aveva annunciato al mondo intero di essersi sottoposta a una doppia mastectomia preventiva. L’ex moglie di Brad Pitt aveva scoperto di avere il gene BRCA.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.