Dieta vegana durante la gravidanza: due bimbi all’ospedale di Treviso

By | 7 marzo 2018

gravidanza-vegan-neonatiDue episodi, sebbene non collegati, hanno riaperto il dibattito sulla dieta vegana durante la gravidanza. Due bambini di 6 mesi sono stati ricoverati all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso per una grave carenza di vitamina B12, che è contenuta specialmente nei latticini e nella carne. I medici del reparto di Pediatria del nosocomio trevigiano hanno scoperto che le mamme dei neonati avevano seguito un’alimentazione vegan durante la gravidanza.

Bimbi non riuscivano ad alzare la testa

Quando erano nati, quei bimbi non avevano accusato sintomi tali da far allarmare medici e genitori. Col passar dei mesi, però, il quadro clinico è cambiato. I minori avevano iniziato a comportarsi in modo strano: entrambi erano sempre stanchi e i loro riflessi erano notevolmente ritardati. Non riuscivano nemmeno ad alzare la testa. I genitori, preoccupati, avevano portato subito i figli all’ospedale e, dopo alcuni esami del sangue, i medici hanno fatto la loro diagnosi: forte carenza di vitamina B12.

Narrando questa storia non vogliamo assolutamente incitare le donne incinte a non seguire una dieta vegana, intendendo solo precisare che tale regime alimentare va integrato per evitare danni psicofisici al piccolo. Chi segue una dieta vegana non incamera tutte le proteine e vitamine contenute nei latticini e nella carne, quindi c’è bisogno di un’integrazione. I figli delle donne vegane, secondo gli esperti, potrebbero ammalarsi di anemia e, nei casi più gravi, morire.

Dieta vegana: se integrata va bene per tutti

La German Society for Nutrition raccomanda, dal 2011, di fare attenzione alla dieta vegana durante la gravidanza. Da tale stile alimentare deriverebbero rischi per i bimbi e per le madri. E’ doveroso precisare che sia l’American Dietetic Association che la Dietitian of Canada sostengono, da molti anni, che la dieta vegana, se adeguatamente integrata, va bene per tutti, anche per le donne incinte e quelle che allattano i neonati. L’American Dietetic Association esorta le donne in dolce attesa ad arricchire la loro alimentazione con la vitamina B12 per scongiurare pericoli per loro e i figli. Tale integrazione è dunque fondamentale.

Meglio consultare uno specialista

L’integrazione di vitamina B12 non sarebbe sufficiente, invece, per Reed Mangels in quanto non può superare lo sbarramento placentare. Un gruppo di ricercatori avrebbe scoperto il legame tra carenza di vitamina B12 nelle madri che seguono una dieta vegetariana e problemi a livello neurologico nei figli. Le donne vegane possono, durante la gravidanza, avere bisogno anche di una maggiore quantità di vitamina D, ferro ed altri nutritivi, come l’acido folico. Sostanze che ovviamente non si trovano nei cibi che normalmente consumano i vegani. Gli esperti ricordano alle donne che vogliono seguire un regime vegano o vegetariano durante la gravidanza di recarsi da un medico o un nutrizionista per ottenere un consulto.

La dieta vegana e quella vegetariana non sono pericolose durante la gravidanza se sono bilanciate. Gli effetti dei suddetti regimi alimentari ‘non sono un’opinione’ per il professor Luigi Mario Chiechi, ostetrico-ginecologo dell’Università degli Studi di Bari. ‘Il nostro Ministero della Salute asserisce come una dieta vegetariana conferisca protezione nei confronti di molte malattie e sia associata a una riduzione della mortalità per tutte le cause. Rispetto alle diete vegetariane, la dieta vegana sembra offrire un’ulteriore protezione dall’insorgenza di obesità, ipertensione, diabete mellito di tipo 2 e mortalità cardiovascolare…’, ha spiegato il luminare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.