Lapo Elkann disintossicato dalla cocaina con la TMS

By | 19 gennaio 2018

TMS, trattamento usato da Lapo ElkannLapo Elkann, rampollo della famiglia Agnelli, ha raccontato di recente di essere uscito dal tunnel della dipendenza dalla cocaina con la TMS, ovvero il trattamento ‘che agisce sul cervello e allontana il craving, la voglia’. Cos’è, in soldoni, la terapia che ha permesso a Lapo di disintossicarsi dalla droga? Chi pensa che si tratti di una nuova terapia sbaglia, poiché la stimolazione magnetica transcranica viene usata da più di 30 anni per trattare gravi forme di depressione. Nei tempi recenti, la TMS è stata sfruttata anche per sviluppare la memoria dei malati di Alzheimer.

Cocaina: disintossicazione non è semplice

Il trattamento a cui è stato sottoposto Lapo Elkann è basato su un apparecchio che viene messo sulla testa del paziente. Il dispositivo poi emette impulsi magnetici che oltrepassano la scatola cranica. Si cerca, quindi, di variare certi circuiti cerebrali per incrementarne o diminuirne il dinamismo.

Non è semplice disintossicarsi dalla cocaina. Lapo Elkann lo sa bene ma, grazie alla TMS e allo psichiatra Luigi Gallimberti, ci è riuscito.

loading...

Dipendenza dalla droga: serve supporto psicologico

‘Abbiamo due centri, a Padova e Milano. Una stimolazione TMS attualmente costa 100 euro, a cui vanno aggiunti i costi per gli accertamenti e l’assistenza necessari, soprattutto nella fase iniziale. In altri Paesi costa molto di più. Si rivolgono a noi tutte le classi sociali: il 10% sono donne, il 90% uomini dai 18 ai 70 anni. Gli unici criteri di esclusione sono presenza di epilessia, pacemaker e impianti cocleari fissi’, ha spiegato Gallimberti.

Lo psichiatra ha precisato che una dipendenza dalla cocaina che perdura da un ventennio non si cura solo con 4 stimolazioni. C’è bisogno anche di un forte supporto psicologico: ‘Per un ragazzo che ha cominciato l’uso di cocaina a 12-14 anni, l’aiuto psicologico può essere molto più impegnativo rispetto a chi ha cominciato ad usare cocaina in età adulta. L’importante è capire che queste persone vanno prese per mano e aiutate a recuperare un rapporto normale con la realtà’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *