Cucina

McDonald’s toglie cheeseburger dall’Happy Meal: vendite a picco

cheeseburger-eliminato-happy-mealLa nota catena di fast food McDonald’s ha preso una decisione senza dubbio salutare ma molti clienti, specialmente i più piccoli, non l’hanno apprezzata. Il cheeseburger è stato eliminato dall’Happy Meal. Il motivo? E’ pieno grasso, quindi in grado di contribuire sensibilmente all’obesità infantile. L’Happy Meal diventa quindi più salutare ma meno gustoso. McDonald’s è stato spesso al centro delle polemiche per l’enorme quantitativo di calorie che forniscono i suoi alimenti. Adesso la nota catena di fast food viene incontro ai salutisti, ai medici e ai nutrizionisti, togliendo il cheeseburger, vera ‘bomba’ calorica dall’Happy Meal.

Addio anche al milkshake

L’addio non riguarda solo il cheeseburger ma anche il milkshake al cioccolato. Nel menù dei bimbi, dunque, non ci saranno più i due saporiti ma calorici alimenti. McDonald’s ha ricordato che non si tratta della prima svolta salutista, poiché già nel 2014 erano state eliminate le bibite gassate dagli Happy Meal. Le bevande zuccherate e gassate sono da sempre demonizzate da medici, pediatri e nutrizionisti perché responsabili dell’incremento di peso dei piccoli, e quindi dell’obesità infantile.

Non tutti hanno apprezzato la nuova tattica del colosso americano. Le censure sono arrivate per due motivi: il primo è quello economico (da quanto è stato eliminato il cheeseburger dall’Happy Meal, le vendite del menù per bimbi sono andate a picco). C’è chi fa notare che cheeseburger, milkshake e bibite gassate, sebbene non più parti integranti dell’Happy Meal, possono essere sempre acquistati separatamente.

McDonald’s: bimbi 30% dei clienti

Secondo alcune stime, dal momento in cui i cheeseburger sono stati tolti dall’Happy Meal, le vendite di tale menù sono diminuite del 14%. Se si seguirà tale trend, le perdite, per la nota catena di fast food a stelle e strisce potranno essere maggiori. Si calcola, infatti, che il 30% dei clienti di McDonald’s sia formato da bambini, ovvero coloro che gradiscono maggiormente gli Happy Meal.

I clienti, grandi e piccoli, di McDonald’s possono ancora chiedere cheeseburger o latte al cioccolato, ma la catena di fast food ha detto che non menzionarli riduce la frequenza con cui vengono ordinati. McDonald’s ha anche affermato che, da quando ha eliminato la soda dal menu Happy Meal, 4 anni fa, gli ordini di Happy Meals sono calati del 14%. Genitori e organizzazioni che si battono per la salute dei bimbi hanno sempre stigmatizzato l’Happy Meal perché è correlato all’obesità infantile. McDonald’s ha recepito diverse volte le lamentele dei clienti, apportando modifiche nel corso degli anni, come l’introduzione della frutta nei menù e la riduzione delle dimensioni delle patatine fritte. Di recente il succo di mela è stato sostituito con uno meno zuccherato.

McDonald’s batte Burger King per guadagni

La recente decisione di McDonald’s è ‘figlia’ anche dello scopo di allontanare l’immagine di dispensatrice di cibo spazzatura che gli ha affibbiato tanta gente. McDonald’s, negli Usa e nel mondo vanta fatturati maggiori rispetto ai suoi storici concorrenti, come Wendy’s e Burger King. I recenti cambiamenti verranno attuati entro giugno. La catena di fast food ha anche fatto sapere che il milkshake tornerà presto nell’Happy Meal, ma non sa quando.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.