Curiosità

Troppi caffè per i giovani italiani: rischio tachicardia

caffè-adolescenti-abusoDa un recente sondaggio condotto dagli esperti dell’Università di Foggia è venuto fuori che i giovani italiani bevono troppi caffè, quindi assumono molta caffeina. Gli adolescenti bevono caffè con gli amici, al bar, o a casa mentre studiano. Ogni occasione è buona per un caffè. Attenzione, però, a non abusare di tale bevanda perché gli effetti possono essere poco piacevoli. Lo studio incentrato sul rapporto tra giovani e caffeina ha mostrato che i ragazzi italiani tendono ad assumere dosi eccessive di caffeina mediante caffè e bibite energetiche.

Non più di 3 tazzine di caffè al giorno

Gli esperti dell’università di Foggia hanno chiesto a 1.200 studenti del Sud Italia, tra i 12 e i 19 anni, di rispondere a una serie di domande sulle loro abitudini alimentari. Il risultato delinea un quadro di forte assunzione di caffeina. Il 76% dei ragazzi beve bibite contenenti caffeina ogni giorno. Quasi la totalità dei minori assume caffeina con il caffè; seguono i soft drink e gli energy drink. I maschi assumono mediamente 124 mg di caffeina al dì; le ragazze invece 126 mg. A rendere perplessi gli studiosi è il fatto che il 46% dei giovani assume dosi di caffeina superiori al limite raccomandato, per i minori, dall’American Academy of Pediatrics, ossia 100 mg.

Giuseppe Morino, coordinatore dell’Unità operativa di educazione alimentare dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, ha detto che i teenagers non dovrebbero bere più di 3 tazzine di caffè al giorno. Purtroppo tale soglia viene spesso oltrepassata. Agitazione, ansia, insonnia e malumore sono solamente alcuni dei disturbi a cui possono andare incontro i giovani che abusano di caffè. Angelo Campanozzi, responsabile della ricerca, ha detto che tra poco potrebbe essere lanciata una campagna di sensibilizzazione sui pericoli derivanti dal consumo smodato di caffè in età adolescenziale.

Caffè fa bene o male al cuore?

In generale, il consumo di caffè è correlato all’incremento del ritmo cardiaco, quindi è probabile che chi assume molti caffè vada incontro a palpitazioni, tachicardie e, nei casi più gravi, a infarti. Meglio moderarsi. Ciò vale sia per gli adulti che per gli adolescenti. Tutti gli studi condotti finora comunque non hanno trovato un legame tra consumo di caffè e infarto; anzi alcune ricerche hanno dimostrato che bere caffè ha un effetto neutro riguardo al rischio di patologie cardiovascolari. Altri studi, poi, hanno suggerito che il consumo moderato di caffeina fa bene al cuore. Quanti caffè bere ogni giorno per non rischiare problemi di salute? Al massimo 2-3, dicono gli esperti.

Spesso i medici si sentono domandare dai pazienti: ‘Posso prendere qualche caffè?’. La risposta non di rado è negativa. Perché? In linea di principio non ci sarebbero ragioni per vietare il caffè. La famosa bevanda nera è responsabile di tachicardia, insonnia, nervosismo ed altri disturbi solo nell’ipotesi di consumo eccessivo. In soldoni, il caffè fa male solo quando se ne beve troppo. Forse gli esperti che vietano il caffè senza riserve non ricordano che tale bevanda stimola il sistema nervoso centrale, quindi migliora le performance cognitive e aumenta la capacità di resistere agli sforzi. Non solo: contrariamente a quanto molti ritengono, il caffè fa bene alla maggioranza dei cardiopatici.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.